Dark Mode Off / On

Se sei pronta ad esplorare le meraviglie di Zanzibar, è essenziale preparare una valigia intelligente.
Questo ti permetterà non solo di evitare di portare cose inutili, ma soprattutto di avere un bagaglio più leggero ma con tutto il necessario per goderti al meglio l’isola.
Vediamo quindi nel dettaglio cosa portare a Zanzibar per evitare imprevisti e seccature.

Cosa mettere in valigia per Zanzibar

spiaggia di kiwengwa zanzibar
  1. Scarpette da scoglio: saranno indispensabili per le passeggiate durante la bassa marea, in cui potresti imbatterti in coralli o ricci.
  2. Protezione solare 50: il sole picchia forte. Soprattutto se arrivi sull’isola nei nostri mesi invernali, utilizza una crema a fattore protezione 50 così da evitare fastidiosi eritemi e scottature.
  3. Zaino leggero: perfetto per le esplorazioni giornaliere e per portare l’essenziale durante le escursioni.
  4. Kit di pronto soccorso: che potrai creare anche in autonomia, inserendo gli strumenti basilari per un primo soccorso. Io ho portato con me cerotti resistenti all’acqua, acqua ossigenata, dischetti di cotone, pomata o spray per le punture di insetti, pinzette e termometro.
  5. Repellente per zanzare: a Zanzibar la trasmissione di malaria è pressochè nulla, ma durante le stagioni un pò più umide le zanzare possono essere davvero fastidiose, soprattutto la sera. Il mio preferito è Jungle forte.
  6. Action cam subacquea o qualsiasi cosa ti permetta di riprendere la bellezza del mondo marino di Zanzibar. La mia Gopro ha deciso di abbandonarmi proprio sul più bello quindi controlla che sia funzionante prima di partire.
  7. Adattatore elettrico universale: solitamente vengono forniti dalle strutture, ma uno in più in valigia è sempre utile.
  8. Maschera e boccaglio: indispensabili per esplorare la barriera corallina e le sue meraviglie. Alcune guide, o addirittura le strutture, potrebbero metterle a disposizione, ma io ti consiglio di avere le tue personali nel caso volessi fare qualche uscita in autonomia.
  9. Documenti assolutamente indispensabili: passaporto con validità residua di almeno sei mesi, visto turistico da richiedere online prima della partenza o all’arrivo in aeroporto, assicurazione sanitaria. Senza questi non si entra.
    Per informazioni dettagliate consulta i requisiti d’ingresso nel sito Viaggiare Sicuri.
  10. Lucchetto per la valigia: non solo da utilizzare durante il volo, ma soprattutto nel caso in cui la struttura che ti ospita non sia dotata di cassaforte nelle camere. Ho questa fissa da quando mi sono stati rubati i soldi in camera alle Seychelles.
Consigli per i viaggiatori solitari
Porta con te un vecchio smartphone, tutti ne abbiamo uno, se dovessi avere problemi con il tuo risolverai in pochi minuti. Altra fissa nata quando il mio smartphone si è fuso a poche ore dalla partenza per Budapest. 

Porta conte due carte di credito, una la porterai con te, l'altra lasciala in cassaforte (o in valigia) insieme al passaporto. Nel caso ne perdessi una non rimarrai a bocca asciutta.

Quali medicinali portare a Zanzibar

Cambiamenti climatici o di alimentazione possono mettere a dura prova sia il nostro sistema immunitario che il benessere intestinale, quindi come evitare brutte sorprese e non rovinarci il viaggio? Cominciamo con la prevenzione.
Prima di partire fai una cura di fermenti lattici, inizia almeno dieci giorni prima e prosegui per tutta la durata del viaggio. Io utilizzo Lactoflorene Plus, per comodità in compresse, ma il tuo medico saprà sicuramente indicarti il più adatto per te.
Stessa cosa per gli antibiotici, fatti prescrivere qualcosa ad ampio spettro, che potrebbe servirti in caso di infezioni batteriche intestinali o febbre batterica.
Contatta sempre il tuo medico prima dell’assunzione.
Mentre per i farmaci usati più comunemente ti consiglio:

  • Antipiretico: utile in caso di febbre superiore ai 38 gradi (tachipirina 500)
  • Imodium: non c’è bisogno che ti dica a cosa serve, ma per evitare la sua assunzione, ricorda di non bere mai acqua del rubinetto, non mangiare verdura cruda, evita cocktail con ghiaccio e lava i denti con acqua in bottiglia. Prevenire e meglio che curare.
  • Ibuprofene: utile in caso di dolori di vario tipo (brufen)
  • Antispastico: per i disturbi gastrointestinali (buscopan)
  • Pomata per le punture di insetti: che dovresti già avere nel kit di primo soccorso.
  • Antistaminico: utile nel caso di reazioni allergiche.

    Questi sono i farmaci che utilizzo io ma ovviamente chiedi sempre consiglio al tuo medico.
    Mi raccomando proteggi i farmaci dagli agenti atmosferici e se non dovessi utilizzarli, cosa che ti auguro vivamente, puoi lasciarli a qualche associazione o guida turistica fidata. Ci penseranno loro a portarli dove c’è bisogno. Ma mi raccomando mai lasciarli alle persone locali, non saprebbero come utilizzarli

Che tipo di abbigliamento portare a Zanzibar

atollo di mnemba
Mnemba

Dirti di portare costumi e vestiti sembra alquanto scontato, ma ricorda che la Tanzania è un Paese musulmano, di conseguenza un abbigliamento consono fuori dai recinti delle località turistiche è d’obbligo.
Oltre ai vestiti e short da spiaggia, metti in valigia:

  • Foulard leggero da tenere sempre con te nello zaino. Potrebbe servirti nel caso avessi bisogno di coprire le spalle.
  • Short o bermuda non troppo corti
  • Maglie accollate e a tre quarti, se andrai in città o nei villaggi locali, da abbinare ad una gonna lunga o ad un pantalone
  • Felpa leggera, secondo la stagione che sceglierai la sera potrebbe esserci un leggero frescolino, leggero eh.

Cosa portare ai bambini di Zanzibar dall’Italia

Una delle domande che mi fanno più spesso è “cosa posso portare a Zanzibar aiutare per i bambini?”
Ed è in effetti il dubbio che avevo anch’io.
Spesso, chi parte per il continente africano, ha la convinzione che tutto ciò che sono i nostri scarti possono essere utili per chi ha poco o niente. Questo in realtà non è proprio corretto.
C’è chi parte con la valigia piena di quaderni e pennarelli, chi addirittura con buste di caramelle da distribuire ai bambini in spiaggia, la verità è che tutto questo è praticamente inutile se non dannoso.
I nostri quaderni sono diversi da quelli utilizzati nelle loro scuole, le caramelle inoltre, per quanto possano momentaneamente far sorridere un bambino, possono arrecare non pochi danni per chi non ha, ovviamente, la possibilità di usufruire di cure odontoiatriche.
Il mio consiglio è quello di acquistare direttamente in loco ciò che può risultare realmente utile, facendosi magari aiutare da una guida. Eviterai così di caricarti il bagaglio di cose superflue e soprattutto aiuterai l’economia locale.
Potresti inoltre metterti in contatto con qualche associazione di volontariato e chiedere direttamente a loro di cosa hanno bisogno.
Quindi la mia risposta al cosa portare a Zanzibar per i bambini è: nulla. Farti aiutare dalla gente del posto sarà di certo più utile e gratificante.

A questo proposito potrebbe interessarti l’articolo “Zanzibar e la povertà”


Se sei ancora in alto mare per l’organizzazione del viaggio e stai cercando dei consigli puoi leggere il mio articolo su come organizzare un viaggio a Zanzibar, con tutti i miei consigli.
Spero di essere riuscita ad aiutarti nella preparazione del tuo bagaglio, se hai bisogno di qualsiasi altra informazione lasciami un messaggio qui sotto.
Un abbraccio
Daniela

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *