Dark Mode Off / On

Con le sue alte falesie, le incantevoli spiagge e i piccoli paesi fermi nel tempo, l’Algarve si è meritato un posto speciale nel mio cuore.
In un mondo dove tutto viene continuamente stravolto qui rimane tutto ancora autentico.
La meta ideale sia per le vacanze estive che da vivere più lentamente in bassa stagione.
Nel mio itinerario di una settimana in Algarve ho voluto fare un mix di mare, borghi e tradizioni e voglio condividerlo con te sperando possa esserti utile.
Continua a leggere l’articolo per scoprire questa meravigliosa regione nel Sud del Portogallo.

itinerario di una settimana in algarve

Noleggiare un auto in Algarve

Il modo più comodo, anche se il meno economico, per muoversi in autonomia è senz’altro quello di noleggiare un auto.
Se pensi di atterrare all’aeroporto di Faro, la soluzione migliore è quella di noleggiare l’auto direttamente lì.
Prenota online per avere maggiore possibilità di scelta e scontistiche.
Per prenotare l’auto sarà sufficiente una carta di credito, mentre per ritirarla ti serviranno

  • Una carta di credito intestata al conducente
  • patente di guida e documenti

Prenotando l’auto su Centauro non dovrai lasciare nessun deposito cauzionale, cosa direi non da poco.
Dall’Aeroporto di Faro ho raggiunto la località turistica di Albufeira, lasciando la visita di Faro all’ultimo giorno.

Dove alloggiare in Algarve

Sono sostanzialmente tre le località in cui è preferibile alloggiare in Algarve

  • Faro capoluogo della regione, comoda per gli spostamenti da e per l’aeroporto
  • Albufeira la più animata delle località turistiche, e a mio avviso la più vicina a tutte le attrazioni da visitare
  • Lagos, meno caotica e probabilmente più autentica delle precedenti, può essere un ottima scelta se si vuole un’esperienza più local

Itinerario di una settimana in Algarve: Albufeira

Città vecchia di Albufeira

Vista la sua posizione ottimale per raggiungere le altre località della zona, Albufeira è stata la mia base per cinque notti, passerò le ultime due a Faro per visitare i dintorni del capoluogo.
La vivace Albufeira è tra le località turistiche più movimentate della regione, ricca di negozi, locali e discoteche, di sicuro la sera non ci si annoia.
Da vedere

  • La città vecchia, dove si respira ancora l’essenza dell’antico villaggio di pescatori
  • Praia dos Pescadores e Praia do Tunel spiagge cittadine entrambe con punti ristoro, molto caotiche, infatti le ho visitate di passaggio.
  • Nei dintorni Praia de Sao Rafael e Praia da Falesia, da vedere entrambe, quì già si respira l’aria più autentica di questa zona.
  • Il colorato porto turistico
  • Per gli amanti della vita nottura la Strip di Albufeira, dove si susseguono locali e discoteche.

Benagil e Carvoeiro

Sveglia presto per andare alla scoperta di una delle grotte più belle del mondo.
La Grotta di Benagil.

Grotta di Benagil


Parti di buon mattino, metti sul navigatore Spiaggia di Benagil e in poco più di mezz’ora ti ritroverai in una delle più suggestive spiagge dell’Algarve.
Sabbia dorata e mare cristallino.
Per arrivare alla grotta, distante 150 metri dalla spiaggia ti consiglio di noleggiare il Kayak.
Troverai il servizio noleggio proprio all’ingresso della spiaggia.
Negli ultimi anni, complici i social, il sito è particolarmente frequentato, per questo, secondo l’orario potresti ritrovarti circondata/o di barche, kayak e caos. Quindi fidati di me quando dico che è preferibile mettere la sveglia un’oretta prima.
Una volta visitata la grotta è arrivato il momento di rilassarsi in spiaggia.
Nel pomeriggio mi sposto a Carvoeiro, dove si respira un’atmosfera decisamente più lenta.
Il suo grazioso centro è ricco di negozi e bar.

Carvoeiro

Praia do Camilo, Lagos e Ponta da Piedade

Praia do Camilo

Nuovamente sveglia all’alba, con direzione Praia do Camilo, tra le spiagge più famose della costa.
Spiaggia libera senza servizi, qualche punto ristoro nei pressi del parcheggio, ma tieni presente che per scendere in spiaggia ci sono la bellezza di 230 gradini, quindi procura cibo e acqua prima.
Nel pomeriggio vado alla scoperta di Lagos, antico villaggio di pescatori, divenuta oggi una delle località più amate dai turisti.
Da vedere

  • Il porticciolo
  • La via principale, Praca Luiz Vaz de Camoes, dove ammirare gli antichi edifici ricoperti di Azulejos
  • Il centro storico, cammina con il naso all’ insù per scovare i nidi delle cicogne

La serata non può che concludersi a Ponta da Piedade per il suo imperdibile tramonto.
Distante da Lagos appena tre chilometri.
Le sue scogliere sono una delle attrazioni più famose della regione, puoi raggiungerla via terra, oppure se il tempo a disposizione te lo permette optare per un giro in barca o in kayak. Entrambi i tour sono in partenza dalla Marina di Lagos.

Io ho preferito godermi il panorama dall’alto.

Ponta da Piedade

Praia da Marinha, Portimão e Praia da Rocha

Mattinata alla scoperta di una delle spiagge più belle del mondo, eh no non lo dico io, ma le numerose classifiche in cui è spesso presente.
Anche qui per evitare il sovraffollamento è preferibile arrivare di buon mattino e soprattutto già provvisti di acqua e cibo.

Praia da Marinha

Il pomeriggio lo dedico a visitare la città di Portimão e la sua principale spiaggia Praia da Rocha, che ahimè saranno per me una delusione.
Essendo la spiaggia cittadina, Praia da Rocha si trova a ridosso di numerose strutture alberghiere, insomma io che sono amante dei luoghi autentici e selvaggi l’ho trovata decisamente “costruita”, carina per fare un aperitivo in quanto è ricca di locali.

Praia da Bordeira e Sagres

Praia da Bordeira

In questo itinerario di una settimana in Algarve, ho voluto inserire una giornata in una delle spiagge che più mi sono rimaste nel cuore, Praia da Bordeira, raramente inserita nei classici itinerari turistici.
Hai presente quelle spiagge sconfinate amate dai surfisti per le altissime onde? ecco, questa è l’incantevole Praia da Bordeira.
Spiaggia libera, nel vero senso del termine, in quanto frequentata anche da nudisti.
Una giornata quì è assolutamente d’obbligo se si ama la tranquillità di una spiaggia poco frequentata.
nel tardo pomeriggio mi dirigo verso Sagres per l’imperdibile tramonto a Cabo de São Vicente, con il suo faro affacciato sull’Oceano Atlantico.

Praia do Barril, Tavira e Olhão

Come già ti ho anticipato ho alloggiato le ultime due notti a Faro, così da essere più comoda per il rientro.
Saluto Albufeira e mi dirigo verso il capoluogo.
Il mio itinerario di questi due giorni nell’Algarve orientale parte dalla meravigliosa Praia do Barril.
Praia do Barril è separata dalla terraferma da un chilometro di acqua, per raggiungerla infatti sarà necessario prendere un trenino immersi nel parco fluviale, oppure a piedi su di un ponte.
All’arrivo ti darà il benvenuto il Cemitério das Ancoras, decine di ancore allineate sulla sabbia in ricordo della antica pesca ai tonni.

Cimitero delle ancore a Praia do Barril

Nel pomeriggio si va alla scoperta dell’elegante cittadina di Tavira, da vedere

  • Il Castello di Tavira, e la sua pazzesca vista panoramica
  • Praça da Repùblica, con i suoi eleganti caffè, ideale per una passeggiata serale
  • Pont Romain, l’antico ponte che passa sopra al Rio Gilao
  • Jardim do Coreto e le sue piante esotiche
una settimana in algarve
Igreja de Santa Maria do Castelo Tavira

Per il tramonto passeggiata tra i murales di Olhão, vivace cittadina di pescatori famosa appunto anche per la sua street art.

Street Art Olhão

Itinerario di una settimana in Algarve: Faro e Loulè

Con il cuore triste per l’imminente rientro a casa dedico l’ultima giornata a visitare le città di Loulè e Faro.

Loulè

La cittadina di Loulè è una delle più grandi dell’entroterra, si contano infatti oltre settantamila abitanti, e dista da Faro appena 16 chilometri.
Avrebbe meritato sicuramente più tempo, ma in qualche ora ho potuto assaporare la sua essenza.
Da vedere:

  • Il famoso mercato coperto, il più grande dell’Algarve, aperto dal lunedì al sabato
  • Il centro storico, dove in estate le strade vengono allestite con delle lunghe tele, così da proteggere i passanti dal sole.
  • il Castello di Loulè, dalle sue torri si può godere di un bellissimo panorama su tutta la città

Mezza giornata può essere sufficiente e, se come me ami bancarelle e mercati vintage, il sabato è sicuramente il giorno della settimana in cui ti consiglio di visitarla.

Città Vecchia Faro

Eccomi arrivata al capoluogo, spesso sottovalutato, dell’Algarve.
La città di Faro ha un fascino misterioso che non subito sono riuscita a cogliere, forse perchè ormai occhi e cuore erano già stracolmi di meraviglie, ma perdendomi nel suo centro storico mi sono ritrovata a sorprendermi sempre di più di questa affascinante e silenziosa cittadina.
Da vedere:

  • Cidade Velha, ovvero la città vecchia, il cuore bianco di Faro
  • La Cattedrale
  • Arco da Vila la porta d’ingresso alla Città Vecchia racchiusa tra le mura arabe
  • Capela dos ossos, si hai letto bene, questa cappella è completamente rivestita di ossa e teschi umani.

Faro è inoltre un’ottima base per andare alla scoperta del Parque Natural da Ria Formosa, a cui io ho dovuto rinunciare per mancanza di tempo.
Come al solito mi lascio sempre un motivo per tornare.


Anche questo viaggio giunge al termine, ma non ti nego che avrei voluto non finisse più. L’Algarve mi ha davvero stregata, come tutto il Portogallo d’altronde, che ogni volta mi fa sentire come a casa.
Come sempre grazie per avermi letta, se vuoi scoprire un altro lato di questo meraviglioso Paese leggi anche

Quì sotto ti lascio anche i link degli ultimi articoli che ho scritto.

Buon viaggio
Daniela

2 Comments

  1. Ottimo articolo. Tanti consigli utili per il mio prossimo viaggio. Voglio andare proprio in Portogallo in particolare nell’Algarve in inverno credo che sia spettacolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *